FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
Franco Maria Ricci Editore
Franco Maria Ricci e il Labirinto della Masone

La collezione d’arte di Franco Maria Ricci editore e bibliofilo

Testi di Sylvia Ferino, Christian Beaufort-Spontin, Lucia Fornari Schianchi, Corrado Mingardi, Cristina Nuzzi, Vittorio Sgarbi, Giulia Sissa
2004 / 300 PAGINE
Realizzato nel 2004 in concomitanza con la prima esposizione della collezione di Franco Maria Ricci, non è solamente il catalogo di una raccolta di opere d’arte ma l’occasione per ripercorrere la storia di Franco Maria Ricci.
Dall’amour fou per Bodoni, raccontato da Corrado Mingardi, ai primi numeri di FMR rievocati da Vittorio Sgarbi, dalla carriera come graphic designer illustrata da Cristina Nuzzi, a quella di editore, che scorre tra le parole di Lucia Fornari Schianchi e Giulia Sissa, fino ad arrivare alle sue passioni di collezionista e alla bustomania – la sua spiccata predilezione per busti e ritratti in genere – di cui bonariamente lo tacciano Sylvia Ferino e Christian Beaufort-Spontin. A questi testi seguono poi le schede di ciascuna opera, accuratamente redatte da un folto gruppo di esperti e fornite di una ricca bibliografia. Poste in ordine di acquisizione, consentono di seguire il Franco Maria Ricci collezionista, apprezzandone le intuizioni, notando gli intrecci con la produzione editoriale e osservando presenze ed assenze di una collezione eclettica. Dai primi arrivi, Ligabue e le ballerine di epoca Déco, ai busti neoclassici della brulicante famiglia Bonaparte. Non mancano i manieristi né la grande scultura del Seicento, né artisti legati agli anni d’oro del ducato di Parma, né la pittura romantica e popolare dell’Ottocento o accostamenti al Novecento, con le opere di Wildt, Andreotti, Savinio, Erté.