FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
Franco Maria Ricci Editore
Grand Tour

Fermo

Stefano Papetti
1995 / 76 PAGINE. Lingua: Due edizioni: italiano, inglese
La protagonista di questo volume è una città mobile e sfuggente, a dispetto del suo stesso nome, non è né romana né medievale, né rinascimentale né barocca, pur conservando traccia di ognuno di questi stili.
Arroccata su un colle che domina due valli marchigiane, ben difesa da nemici e pirati, Fermo appare dal mare come una piramide di tetti e di mura, quasi inaccessibile, ma, a guardarlo dai colli vicini, quel fitto intrico di mura sembra allentarsi; il profilo della città si distende e prende la forma di una nave incagliata al sommo di un colle. Ancora intatta, nel fitto reticolo delle sue vie fiancheggiate da chiese e da palazzi signorili, Fermo custodisce fin dal Medioevo le ricchezze artistiche contenute in questo volume, il cui obiettivo è cimentarsi nell’ardua lettura architettonica di questo centro.