FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
Franco Maria Ricci Editore
Iconographia

Embriachi, Il trittico di Pavia

Gian Alberto Dall’Acqua
1982 / 96 PAGINE. Lingua: Edizione italiana
Fra le opere presenti nella Certosa di Pavia una sola risale all’epoca del suo fondatore: il trittico in avorio conservato oggi nella sagrestia vecchia del monastero e riportato qui, fotografato da Umberto Zucchi, in tutte le splendide parti che lo compongono.
La certosa di Pavia, gigantesco merletto di pietra ritto fra le nebbie e le marcite della Padania, fu voluta da Gian Galeazzo Visconti a esaltazione della propria fede e della propria dinastia. Alla bottega di Baldassarre degli Embriachi (inizio del XV secolo) commissionò un candido traforo d’avorio che narrasse per immagini le storie di Cristo e della Vergine e soprattutto la leggenda dei tre Re Magi, il cui culto fioriva a Milano. Davanti a un simile capolavoro di virtuosismo artigianale, nasce il desiderio di sfogliarne, per così dire, una dopo l’altra le immagini; cosa che per la prima volta è resa possibile da questo libro.