FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
Franco Maria Ricci Editore
Grand Tour

La Cappella Corsini

nella basilica romana di San Giovanni in Laterano

Testi di: Caterina Napoleone, Alfredo Marchionne Gunter
2001 / 96 PAGINE
Magnifica e solenne, la cappella Corsini in San Giovanni in Laterano ostenta una elegante profusione di marmi, stucchi, bronzi dorati e una decorazione a cui lavorò una scelta schiera di artisti.
La cappella Corsini, indiscusso capolavoro dell'architettura romana della prima metà del Settecento, è l'espressione del mecenatismo illuminato del pontefice Clemente XII (Lorenzo Corsini, 1730-40), che la dedicò al suo illustre avo. Il monumento fu progettato e realizzato dall'architetto Alessandro Galilei, fiorentino, il quale raggiunse degli effetti di armonia mediante felici rapporti di proporzioni, finezza di profili, sontuosità di materiale in nitide incrostazioni marmoree. È un piccolo museo della scultura romana del tempo, capolavoro di eleganza, di armonia e di magnificenza. Il volume la illustra con dovizia di immagini, e con la sua inedita scelta di riproduzioni fotografiche ci offre una visione privilegiata, ben oltre il consueto colpo d'occhio concesso al comune visitatore che varca l'ingresso della cappella stessa.
Franco Maria Ricci Editore
Dovette certo essere il coronamento di un desiderio fortemente sentito quello di Clemente XII, intitolare ora una cappella, che sarebbe stata anche sacello dinastico, al culto del suo avo nella cattedrale di Roma e del mondo intero. La volle di una sobrietà magnificente, elegante nelle nitide proporzioni dell'impianto a croce greca, riccamente decorata da sculture e bassorilievi, preziosamente rivestita di marmi antichi dalle tenui screziature del viola e del verde, di stucchi e di bronzi dorati sui quali si sarebbe posata una luce sapientemente calibrata che si diffondeva, radente, dagli alti finestroni della cupola semisferica. Un artificio decorativo a cui non potevano mancare le più preziose suppellettili liturgiche commissionate a una schiera di artisti e di maestranze specializzate nelle tecniche più sofisticate. Il progetto, per il quale il pontefice si dimostrò oltremodo prodigo attingendo senza riserve ai propri beni, era la sintesi di una vita intera dedicata alla sua missione evangelica e alla promozione delle arti.
Franco Maria Ricci Editore
Franco Maria Ricci Editore
Franco Maria Ricci Editore