FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
Franco Maria Ricci Editore
Varia

Mattioli

Testi di Vittorio Sgarbi, Marco Vallora, Marzio Dall’Acqua, Enzo Bianchi
2017 / 232 PAGINE
Attraverso una scelta dei risultati più alti, il libro mira a dare risalto alle straordinarie riproduzioni delle opere di Carlo Mattioli, conservando il profumo seducente ed elusivo di un carattere appartato e incline alla contemplazione.
Secondo gli Orientali esiste una forma di meditazione (in sanscrito dhiana) che si pratica concentrando l’attenzione su un oggetto, naturale o creato dall’uomo; è il silenzio, la tranquillità di questa forma di meditazione che si coglie nelle opere di Carlo Mattioli, come nelle opere di Giorgio Morandi. Mattioli, nato a Modena nel 1911 e per il resto della vita parmigiano, ci appare oggi come una delle figure più rilevanti, nella vicenda dell’arte italiana del secondo Novecento. Molti i cicli a cui lavorò: gli Alberi, i Muri, le Pinete, i Cieli, le forme biancheggianti delle Apuane… Un artista essenziale, Mattioli, contemplativo, ma affascinante nella sua sobrietà, una pittura al limite della sinestesia, che riesce a catturare profumi, materia, atmosfera, ma in grado di farsi carico anche di forti suggestioni letterarie, derivate dalla conoscenza e dalla frequentazione di poeti e letterati come Luzi, Bertolucci, Testori e Garboli. Frutto dell’impegno dell’Archivio Mattioli, il catalogo completo dei suoi dipinti è stato compilato; il progetto, parallelo, di Franco Maria Ricci è la realizzazione di questo volume, in cui è presentata un’accurata selezione degli oli più belli di Mattioli, riprodotti a pagina piena.
Franco Maria Ricci Editore
Franco Maria Ricci Editore
Il prodigio di Mattioli è in questo mirabile equilibrio tra figurazione e astrazione, senza mai sbilanciarsi. Dune di sabbia, nelle morbide forme, appaiono i suoi nudi. Intersecazioni geometriche le sue nature morte, senza rimpianti per il cubismo vintage, ma ricreazione di volumi, in una dimensione psicologica, in cui agisce la memoria delle forme plastiche di Manzù. Vittorio Sgarbi
Franco Maria Ricci Editore
Franco Maria Ricci Editore